Passa ai contenuti principali

Monitoraggio Produzione e consumo elettrico con Home Assistant



Home Assistant dalla 2021.8 in poi ha un modulo "Energy" per il monitoraggio dei consumi e della produzione di energia elettrica. Questa componente può risultare utile per calcolare quanto si immette in rete, a quanto ammontano i propri consumi, quali sono i livelli di produzione del proprio impianto fotovoltaico e quanto aspettarsi come rimborso da GSE.
Con le automazioni offerte da Home Assistant è possibile anche ricevere una notifica al superamento di alcune soglie oppure se "c'è il sole e l'impianto fotovoltaico sta producendo 0".

Cosa serve

Per monitorare produzione e consumi serve un sensore su queste linee. La produzione dell'impianto fotovoltaico può essere monitorare anche chiedendo direttamente questa informazione all'inverter. Nel caso di SolarEdge tutte le informazioni sono disponibili mediante restApi ed esiste un plugin apposito per HA.
Per misurare i consumi, e la produzione se non si dispone di un inverter che fornisce queste informazioni, si può adottare lo "Shelly 3EM". Un difetto di questo dispositivo è sicuramente la scarsa documentazione e quella che c'è risulta anche poco chiara.
Il principale difetto nella documentazione riguarda i collegamenti da fare. Per monitorare, ad esempio, linea contatore, linea prese e linea luci (a queste due magari si può sostituire la linea proveniente dall'impianto fotovoltaico) bisogna usare lo Shelly 3EM come indicato in figura:


Io ho collegato:
- la pinza amperometrica del canale A alla linea del contatore
- la pinza amperometrica del canale B alla linea delle prese
- la pinza amperometrica del canale C alla linea delle luci

Configurazione

Una volta collegato tutto si passa alla configurazione di Home Assistant:


Nella voce "Consumo di rete" ho inserito il sensore A:


Nello specifico il sensore in oggetto è questo:


Ed ho specificato il prezzo statico a kWh ricavato dal mio operatore.

Sempre nella scheda relativa alla "Rete elettrica" ho configurato l'"Impronta di carbonio dalla rete" mediante un'altra integrazione di HA:



Poi ho indicato nella scheda del "Ritorno alla rete" il sensore apposito e il valore in euro che il gestore GSE mi riconosce a kWh:


Con lo specifico sensore:


Dopo ho indicato il sensore relativo alla produzione dell'impianto fotovoltaico e il sensore della produzione prevista che avevo anch'esso ottenuto mediante una apposita integrazione di Home Assistant:



Con il sensore fornitomi dall'integrazione di SolarEdge con HA:


Infine per monitorare i consumi di prese e luci ho inserito i due sensori dei canali B e C:


La dashboard ottenuta è questa:






Nota:

Nel configurarlo si è bloccato, per sbloccarlo da modulo "Terminale" sono andato a cancellare il file /config/.storage/energy che contiene la configurazione ed ho potuto ricominciare da capo.






Commenti

Post popolari in questo blog

Telecamere Ip con accesso "nascosto"

Telecamere Ip con accesso "nascosto" Storia triste di un auto-hacking obbligato che mi ha fatto scoprire come la nostra privacy è realmente messa a rischi. Storia Ho acquistato dal mercatino/fiera del Radioamatore di Fasano quattro telecamere IP. La scatola riporta "Smart Camera" LF4810. Ne ho montata una e testata in tutte le sue funzionalità per oltre un mese. Chiaramente la manualistica scarsissima, come da tradizione in questi prodotti cinesi di costo molto concorrenziale, consiste in un "pieghevole" di 4 facciate. Chiaramente non erano documentate le impostazioni necessarie per attivare i protocolli ONVIF e RTSP che mi sono indispensabili per l'uso che ne devo fare. Nonostante questa scarsa documentazione dopo l'installazione base fatta con l'apposita app: tutto sembrava corretto. Chiaramente la prima azione che ho compiuto è stata quella di cambiare la password che di default è "123". Subito dopo h

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa Qui spiego tutti i passaggi per installare lo Shelly 2 per automatizzare una tapparella e come configurarlo in Alexa. Impianto attuale Collegamenti da effettuare: Schema teorico: Collegamenti reali: Impostazioni: Dopo aver collegato tutto si procede alla configurazione. Prima di tutto installare la App "Shelly" cercandola nel proprio store e create un account: Il dispositivo verrà visto come doppio interruttore. Andare sulla "i" "Impostazioni": Nella sezione "MODO" ed impostare "Roller Shutter" Poi su "APRI/CHIUDI TEMPO DI LAVORO" ed impostare tipo 20 secondi. Altro passaggio importante in caso di tapparelle è quello relativo alla calibrazione (schermata relativa a "Shelly 2.5"). Se si omette questo passaggio non sarà possibile vedere in che stato è (aperta/chiusa

UPS Monitor via USB

Collegamenti Ho collegato l'UPS Mustek PowerMust 800 mediante il cavo USB al server con Ubuntu Linux 18.04. Software Ho installato: $ sudo apt-get install nut nut-cgi Configurazione Ho impostato i permessi di accesso: $ sudo chown root:nut /etc/nut/* $ sudo chown 640 /etc/nut/* Ho impostato nel file ups.conf (il file di configurazione del servizio) [mustek] driver = blazer_usb port = auto desc = "Musteck Power 800 usb" Ho impostato nel file upsd.conf (il file di configurazione del demone del servizio) LISTEN 127.0.0.1 3493 ACL all 0.0.0.0/0 ACL localhost 127.0.0.1/32 ACCEPT localhost REJECT all Ho impostato nel file upsd.users (il file di configurazione degli utenti del servizio) [mustek] password = 123456 allowfrom = localhost upsmon master Ho impostato nel file upsmon.conf (il file di configurazione del servizio di monitoraggio) MONITOR mustek@localhost 1 local_mon 123456 master Ho abilitato il servizio di moni