Passa ai contenuti principali

Testare massivamente servizi Rest-API



E' facile e comodo usare Postman per testare e prototipare servizi REST/API ma come si progettano ed effettuano dei test per mettere sotto stress uno o più servizi ?


Configurare una collection ad-hoc

Il concetto di test massivo, quantomeno, in postman è collegato all'entità "Collection". Quindi bisogna creare una collection ad-hoc che contenga, clonandole, tutte le richieste che si vogliono testare massivamente.


All'interno di questa collection vanno raccolte tutte le variabili "statiche". Queste variabili sono i parametri che NON cambiano ad ogni iterazione. Per le variabili che cambiano ad ogni iterazione useremo un file apposito.

Configurare l'authorization a livello di collection

Nel caso di servizi con un sistema di autenticazione bisogna configurare questo sempre a livello di collection.



Una volta configurata l'autenticazione a livello di collection e magari testata isolatamente si passa all'autenticazione a livello di ogni singola request.


Bisogna specificare, come modalità di autenticazione, "Inherit auth from parent" per fare in modo che la specifica richiesta erediti l'autenticazione dalla collection.

ATTENZIONE: è fondamentale salvare ad ogni passaggio altrimenti non prende le modifiche.

Le richieste

Conviene iniziare con le richieste preparando un caso specifico di chiamata e accertandosi che funzioni.

Nella tab "Tests" è possibile scrivere del codice che effettui specifiche verifiche sul risultato ottenuto dall'esecuzione della richiesta, qui ad esempio si verifica se la risposta ha un codice HTTP 200, che equivale allo stato "OK":


Qui invece si verifica che la risposta sia un oggetto json, che abbia un oggetto "entry", che questo sia un vettore, che in questo vettore il primo elemento abbia una chiave "response" e che il suo valore sia 200:




Reiterare l'operazione per tutte le richieste che si vogliono testare raccogliendole nella medesima collection.

Parametri letti da file

Per parametrizzare le variabili con valori pescati da un file, che cambieranno ad ogni iterazione. Cioè i valori delle variabili verranno sostituiti, da quelli specificati nel file, ad ogni iterazione pescando dalle righe del file. Quindi se si vogliono fare 3 iterazioni con, ad ogni iterazione valori diversi per le seguenti tre variabili, va preparato un file come questo rappresentato:


Il file deve essere nel formato CSV.

Parametri generati dinamicamente

Alcuni parametri possono essere generati casualmente e dinamicamente da Postman come, ad esempio i guid nella forma "611c2e81-2ccb-42d8-9ddc-2d0bfa65c1b4". Per ottenere ciò basta assegnare alla variabile il valore "{{$guid}}" e lanciare la sua rigenerazione nel momento in cui serve il valore rinnovato. Nell'esempio in fase di "pre-request":



Esecuzione

In fase di esecuzione del test, che avviene mandando in "Run collection" dal menu contestuale alla collection:



Il run consentirà di selezionare il numero di iterazioni, l'attesa fra una iterazione e l'altra e l'eventuale file con i parametri di esecuzione visto prima:


Selezionato il file si può anche vederne un'ateprima:


I risultati riporteranno il superamento o meno dei singoli script di test, il codice di stato della risposta, il tempo di esecuzione e le dimensioni della risposta:


La console riporterà eventuali errori includendo tutti gli oggetti scambiati.

Commenti

Post popolari in questo blog

Telecamere Ip con accesso "nascosto"

Telecamere Ip con accesso "nascosto" Storia triste di un auto-hacking obbligato che mi ha fatto scoprire come la nostra privacy è realmente messa a rischi. Storia Ho acquistato dal mercatino/fiera del Radioamatore di Fasano quattro telecamere IP. La scatola riporta "Smart Camera" LF4810. Ne ho montata una e testata in tutte le sue funzionalità per oltre un mese. Chiaramente la manualistica scarsissima, come da tradizione in questi prodotti cinesi di costo molto concorrenziale, consiste in un "pieghevole" di 4 facciate. Chiaramente non erano documentate le impostazioni necessarie per attivare i protocolli ONVIF e RTSP che mi sono indispensabili per l'uso che ne devo fare. Nonostante questa scarsa documentazione dopo l'installazione base fatta con l'apposita app: tutto sembrava corretto. Chiaramente la prima azione che ho compiuto è stata quella di cambiare la password che di default è "123". Subito dopo h

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa Qui spiego tutti i passaggi per installare lo Shelly 2 per automatizzare una tapparella e come configurarlo in Alexa. Impianto attuale Collegamenti da effettuare: Schema teorico: Collegamenti reali: Impostazioni: Dopo aver collegato tutto si procede alla configurazione. Prima di tutto installare la App "Shelly" cercandola nel proprio store e create un account: Il dispositivo verrà visto come doppio interruttore. Andare sulla "i" "Impostazioni": Nella sezione "MODO" ed impostare "Roller Shutter" Poi su "APRI/CHIUDI TEMPO DI LAVORO" ed impostare tipo 20 secondi. Altro passaggio importante in caso di tapparelle è quello relativo alla calibrazione (schermata relativa a "Shelly 2.5"). Se si omette questo passaggio non sarà possibile vedere in che stato è (aperta/chiusa

UPS Monitor via USB

Collegamenti Ho collegato l'UPS Mustek PowerMust 800 mediante il cavo USB al server con Ubuntu Linux 18.04. Software Ho installato: $ sudo apt-get install nut nut-cgi Configurazione Ho impostato i permessi di accesso: $ sudo chown root:nut /etc/nut/* $ sudo chown 640 /etc/nut/* Ho impostato nel file ups.conf (il file di configurazione del servizio) [mustek] driver = blazer_usb port = auto desc = "Musteck Power 800 usb" Ho impostato nel file upsd.conf (il file di configurazione del demone del servizio) LISTEN 127.0.0.1 3493 ACL all 0.0.0.0/0 ACL localhost 127.0.0.1/32 ACCEPT localhost REJECT all Ho impostato nel file upsd.users (il file di configurazione degli utenti del servizio) [mustek] password = 123456 allowfrom = localhost upsmon master Ho impostato nel file upsmon.conf (il file di configurazione del servizio di monitoraggio) MONITOR mustek@localhost 1 local_mon 123456 master Ho abilitato il servizio di moni