Passa ai contenuti principali

Metriche sul codice in Eclipse




Spessissimo si ha bisogno di qualche metrica sul codice del nostro progetto in Eclipse. Questo IDE è costruito a plugin proprio per offrire versatilità e consentire a gli utilizzatori di avere tutti gli strumenti per svolgere il loro lavoro senza uscire da questo ambiente. Da quelli più scontati per lavorare con un DBMS ("SQL Developer") a quelli per lavorare con un repository SVN ("SVN )

Per ottenere, invece, degli strumenti di Ingegneria del Software per la "misurazione" del codice può essere utile il plugin "Metrics" - http://metrics.sourceforge.net/.

Per installarlo basta andare nel menu Help>Install new software e poi indicare l'url:

http://metrics.sourceforge.net/update





Dopo il classico "Next"..."Next" di Microsoft memoria parte l'installazione:


Conclusa la quale ci verrà chiesto di riavviare Eclipse:


L'utilizzo di Metrics avviene mediante una apposita view che potete attivare dall'apposito menu "Windows > Show View" e selezionare "Others":


Perchè tutto funzioni è necessario soddisfare alcune richieste che la prima schermata di Metrics ci mostra:


L'unica cosa che ho dovuto fare è stato attivare, dalle "Properties" del progetto lo spunta su "Enable Metrics":


Una volta attivato si avrà una apposita view con tutte le metriche di Metrics, si segnala, oltre alle scontate "numero di righe di codice" e "numero di classi", la "Complessità ciclomatica di McCabe" (https://it.wikipedia.org/wiki/Complessit%C3%A0_ciclomatica):



Andando in "Windows > Preferences" si possono scegliere quali metriche mostrare :



Cliccando sull'iconcina in alto a destra, che rappresenta una operazione di esportazione, della view si può esportare in XML tutte le metriche :




Cliccando sull'iconcina in alto a destra della view, che rappresenta un grafo in rosso, si può vedere il grafico delle dipendenze fra classi :




Questo il grafo delle dipendenze:




Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale

Commenti

Post popolari in questo blog

SQL Pivot e Unpivot

PIVOT e UNPIVOT SQL




(Le tabelle ed il codice è preso da un articolo di HTML.it)

Spesso serve avere delle tabelle o viste costruite dinamicamente: le colonne che si vogliono rappresentate sono definite mediante i valori di una specifica tabella.

Con SQL Server 2005 e con Oracle 11g si hanno a disposizione questi due nuovi operatori: PIVOT e UNPIVOT.

Una tabella utile al nostro scopo potrebbe essere:




Qui il codice per crearla:


CREATE TABLE Vendite( ID INT NOT NULL, Anno INT NOT NULL, Venditore VARCHAR(50) NOT NULL, Ammontare FLOAT NOT NULL ) ALTER TABLE Vendite ADD ( CONSTRAINT dept_pk PRIMARY KEY (ID)); CREATE SEQUENCE dept_seq START WITH 1; CREATE OR REPLACE TRIGGER dept_bir BEFORE INSERT ON Vendite FOR EACH ROW BEGIN SELECT dept_seq.NEXTVAL INTO :new.id FROM dual; END;


Si ipotizzi di avere questi dati racconti in tabella:
IDAnnoVenditoreAmmontare12009Marco143,322009Andrea12932009Carlo90,5

JAXB - Il supporto di Java all'XML

Introduzione Ho fatto una sintesi dell'ottimo articolo di Marco Parente che approfondisce perfettamente JAXB.
JAXB "Java Architecture for XML Binding" è un framework di supporto di XML per Java. Dalla versione 1.6 di Java SE il framework JAXB è incluso e fornisce una serie di API completa per la gestione dei documenti XML.
Le applicazioni più comuni di XML+Java sono SAX (Simple API for XML) e DOM (Document Object Model) e appartengono entrambe al pacchetto JAXP (Java API for XML Processing) che vengono utilizzate per effettuare l'analisi dei documenti XML.
SAX non salva nulla in memoria e il documento viene letto dall'inizio alla fine. Quindi non sono disponibili in queste API operazioni  che richiedono la memorizzazione del documento o parti di esso.
DOM memorizza l'intero documento in memoria e quindi sono messi a disposizione strumenti per analizzare e/o modificare i dati.
JAXB fornisce una astrazione tale che non richiede la conoscenza del contenuto dell'XML.…

Eclipse Che

Eclipse Che

Questo è un IDE lato server e in cloud scritto in Java basato sul concetto di workspace. Per chi è abituato all'uso di Eclipse IDE su desktop troverà molte similitudini. La differenza sostanziale è che Che lo si lancia dal browser !!!



Il browser scarica dal server il "client" rappresentato dall'interfaccia IDE, simile a quella del classico Eclipse desktop, per lavorare sul workspace.




L'interazione del client, nel browser dell'utente, e il workspace avviene mediante API e servizi REST messi a disposizione del server.
Su ogni workspace si possono creare progetti ed installare plugin necessari allo sviluppo e test dell'applicazione.
In ogni workspace si può creare un "ambiente" che può contenere a sua volta una "macchina" sulla quale installare il software.
Che offre, mediante un wizard, la possibilità di scegliere una vasta gamma di stack tecnologici da installare sulla propria macchina (lato server).

Ogni workspace può contenere i …