Passa ai contenuti principali

Post

JHipster - Microservizi 2

Microservizi - 2
IntroduzioneIn questo post descrivo come usare l'architettura a micro-servizi presentata nel post precedente e aggiungo gli elementi per sviluppare in questa architettura.



SviluppoDovendo sviluppare una applicazione a micro-servizi si possono seguire varie strade:
1) sviluppare separatamente le due componenti usando l'apposito comando in fase di lancio del wizard:

$ jhipster --skip-client


oppure:


$ jhipster --skip-server


2) sviluppare una monolitica e poi portare nell'architettura a micro servizi: la parte di "services" e la parte di "webapp"


Componenti Scenario 1Importazione del jdl (prima sul gateway e poi sul microservizio)Il Gateway in questa fase rappresenta la componente sulla quale ci concentreremo. A questo arriveranno le chiamare del browser e dovrà rispondere alle richieste.
1) Generare le entità con il comando :

$ jhipster import-jdl jhipster-jdl.jh

Da questo accedo a front-end e back-end perché vengono generati tutti e due sul gateway

2…
Post recenti

Java version switch in Linux...

Bella scoperta...

Se hai bisogno di installare un'altra versione di JDK lasciando quella o quelle preesistenti sul sistema e poi vuoi switchare fra queste comodamente Linux ti viene incontro con un semplice comando. Appunto qui tutto il processo per installare OpenJDK 8 perché può tornare utile in questa fase nella quale migrando a OpenJDK si incontrano ancora molti problemi.
1) Installa il PPA Repository per OpenJDK 8:
  $ sudo add-apt-repository ppa:openjdk-r/ppa
2) Fai l'update della cache dei pacchetti di sistema e l'install:
  $ sudo apt-get update
  $ sudo apt-get install openjdk-8-jdk
Se hai più di una versione di Java installata sul sistema il seguente comando ti consente di switchare fra le versioni:
  $ sudo update-alternatives --config java
Verifica se la versione selezionata è quella che ti serve:
  $ java -version   openjdk version "1.8.0_72-internal"   OpenJDK Runtime Environment (build 1.8.0_72-internal-b05)   OpenJDK 64-Bit Server VM (build 25.72-b05, mixed mo…

OpenHAB e Amazon Echo

OpenHAB e dispositivi Amazon
Qui descrivo i passaggi, molto semplici, per dotare OpenHAB di tutte le funzioni esposte dai dispositivi Amazon che ho.


Passi0)Installare l'addons "Amazon Echo Control Binding" in OpenHAB

1)Creazione di un "thing" "Amazon Account" da interfaccia PaperUI



Attenzione: per crearlo basta salvare (cliccando sulla spunta blu) quello che propone lui

2) https://192.168.1.124:8080/amazonechocontrol/



Cliccare sul link, risponde:
In "Inbox" della PaperUi ritroverò i dispositivi aggiunti:

Cliccando sulla spunta blu li aggiungo come "things":



Fra i "Things" troverò tutti i canali offerti da ogni dispositivo:





Risultato

Che verranno aggiunti al pannello di "Control" automaticamente:







Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0) - Condividi allo stesso modo

Telecamere Ip con accesso "nascosto"

Telecamere Ip con accesso "nascosto"Storia triste di un auto-hacking obbligato che mi ha fatto scoprire come la nostra privacy è realmente messa a rischi.


Storia
Ho acquistato dal mercatino/fiera del Radioamatore di Fasano quattro telecamere IP. La scatola riporta "Smart Camera" LF4810.




Ne ho montata una e testata in tutte le sue funzionalità per oltre un mese. Chiaramente la manualistica scarsissima, come da tradizione in questi prodotti cinesi di costo molto concorrenziale, consiste in un "pieghevole" di 4 facciate.
Chiaramente non erano documentate le impostazioni necessarie per attivare i protocolli ONVIF e RTSP che mi sono indispensabili per l'uso che ne devo fare. Nonostante questa scarsa documentazione dopo l'installazione base fatta con l'apposita app:




tutto sembrava corretto. Chiaramente la prima azione che ho compiuto è stata quella di cambiare la password che di default è "123".
Subito dopo ho ricavato l'ip che il mio DHCP l…

JHipster - Microservizi 1

Microservizi - 1
Introduzione
In questo post descrivo come creare una architettura a microservizi con JHipster. ArchitetturaMicroservizio
Il microservizio che andremo a creare deve avere totale autonomia ed essere auto-consistente. Questo dice la letteratura. In effetti il microservizio deve svolgere un servizio "completo" a livello di modulo di business logic. Ad esempio in un sistema complesso la gestione delle mail integrata. Quindi deve fornire servizi come l'elenco delle mail di uno specifico utente, crearne, cancellarne, inviarne di nuove. Per fare questo userà il database per accedere alla lista della mail dello specifico utente (che qui ipotizziamo stiano su un db). Questo quello che deve fare. Quello che NON deve fare è autenticare l'utente che gli invia le richieste. Quindi di questa fase se ne occuperà un altro modulo. L'autenticazione, in questo prototipo, avverrà mediante token JWT. Creaiamo il microservizio.
Creato con il wizard di JHipster selezionando il…