Passa ai contenuti principali

SQL Pivot e Unpivot




PIVOT e UNPIVOT SQL





(Le tabelle ed il codice è preso da un articolo di HTML.it)

Spesso serve avere delle tabelle o viste costruite dinamicamente: le colonne che si vogliono rappresentate sono definite mediante i valori di una specifica tabella.

Con SQL Server 2005 e con Oracle 11g si hanno a disposizione questi due nuovi operatori: PIVOT e UNPIVOT.

Una tabella utile al nostro scopo potrebbe essere:




Qui il codice per crearla:


CREATE TABLE Vendite( ID INT NOT NULL, Anno INT NOT NULL, Venditore VARCHAR(50) NOT NULL, Ammontare FLOAT NOT NULL ) ALTER TABLE Vendite ADD ( CONSTRAINT dept_pk PRIMARY KEY (ID)); CREATE SEQUENCE dept_seq START WITH 1; CREATE OR REPLACE TRIGGER dept_bir BEFORE INSERT ON Vendite FOR EACH ROW BEGIN SELECT dept_seq.NEXTVAL INTO :new.id FROM dual; END;



Si ipotizzi di avere questi dati racconti in tabella:
IDAnnoVenditoreAmmontare
12009Marco143,3
22009Andrea129
32009Carlo90,5
42009Roberto111
52009Luigi120,1
62008Marco130,7
72008Andrea170,9
82008Carlo167
Qui il codice per popolare la tabella:


INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2009, 'Marco', 143.3); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2009, 'Andrea', 129); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2009, 'Carlo', 90.5); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2009, 'Roberto', 111); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2009, 'Luigi', 120.1); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2008, 'Marco', 130.7); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2008, 'Andrea', 170.9); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2008, 'Carlo', 167); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2008, 'Roberto', 120.6); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2008, 'Luigi', 131); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2007, 'Marco', 112.5); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2007, 'Andrea', 140.2); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2007, 'Carlo', 132); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2007, 'Luigi', 137.5); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2006, 'Marco', 135.5); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2006, 'Andrea', 99); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2006, 'Carlo', 102.4); INSERT INTO Vemdite(Anno, Venditore, Ammontare) VALUES (2006, 'Luigi', 116);

Aggregando per anno mediante:


SELECT Anno, SUM(Ammontare) as TotaleVendite FROM Vemdite GROUP BY Anno ORDER BY Anno DESC;

si ottiene:
AnnoTotaleVendite
2009593,9
2008720,2
2007522,2
2006452,9
Ma quello che ci serve ora è ottenere un'analisi "per anno", qualcosa del genere:

2006200720082009
452,9522,2720,2593,9
Si noti che i valori relativi a gli anni della tabella varieranno nel tempo. La dinamicità di costruzione delle colonne della tabella precedente mediante sta nel fatto che i valori del campo Year della tabella ancora prima costituiranno le colonne della tabella.


Per agevolare questa operazione, ottenibile anche con comandi SQL molto più complessi si è fornito l'operatore PIVOT:

SELECT * FROM (SELECT Anno, Ammontare FROM Vemdite) PIVOT ( SUM(Ammontare) FOR Anno IN (2006, 2007, 2008, 2009) )


L'operazione speculare è l'UNPIVOT che ruota le colonne in righe.



Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa

Qui spiego tutti i passaggi per installare lo Shelly 2 per automatizzare una tapparella e come configurarlo in Alexa.

Impianto attuale



Collegamenti da effettuare:

Schema teorico:





Collegamenti reali:



Impostazioni:

Dopo aver collegato tutto si procede alla configurazione.
Prima di tutto installare la App "Shelly" cercandola nel proprio store e create un account:











Eclipse Che

Eclipse Che

Questo è un IDE lato server e in cloud scritto in Java basato sul concetto di workspace. Per chi è abituato all'uso di Eclipse IDE su desktop troverà molte similitudini. La differenza sostanziale è che Che lo si lancia dal browser !!!



Il browser scarica dal server il "client" rappresentato dall'interfaccia IDE, simile a quella del classico Eclipse desktop, per lavorare sul workspace.




L'interazione del client, nel browser dell'utente, e il workspace avviene mediante API e servizi REST messi a disposizione del server.
Su ogni workspace si possono creare progetti ed installare plugin necessari allo sviluppo e test dell'applicazione.
In ogni workspace si può creare un "ambiente" che può contenere a sua volta una "macchina" sulla quale installare il software.
Che offre, mediante un wizard, la possibilità di scegliere una vasta gamma di stack tecnologici da installare sulla propria macchina (lato server).

Ogni workspace può contenere i …