Passa ai contenuti principali

Codifica video con Vlc





Vlc è uno strumento Open Source in grado di svolgere molteplici funzioni nell'ambito della codifica/decodifica video. Se lo usate solo come player video ... non siete nel posto giusto.

Qui lo uso per implementare un servizio di decodifica di video stream in uno scenario, credo, presente in molte situazioni reali.

Scenario

- una o più sorgenti video in stream (in questo caso si concretizzeranno in servizi di streaming rstp implementati da un nvr)
- l'esigenza di ottenere il flusso video in una pagina web per meglio integrarlo in una applicazione personalizzata di videosorveglianza con interfaccia web
- poter bilanciare il tutto in funzione della banda a disposizione

Tutto si traduce in una differenza di protocolli per la gestione dello stream video: l'rstp o qualunque altro protocollo di gestione dello stream video non è gestibile direttamente dall'HTTP che è un protocollo sostanzialmente diverso.

Soluzione

Le soluzioni, che riscontrerete usando qualunque interfaccia web per la configurazione del vostro impianto di videosorveglianza "ibrido" (che gestisce sorgenti sia analogiche CCTV che telecamere IP), richiedono l'installazione di un activex usato per rendere in HTTP il flusso video proveniente dalle telecamere. Questi activix oltre a legare l'interfaccia ad uno specifico browser sono ormai non compatibili con i moderni browser oltre ad essere poco sicuri.

La soluzione che vi presento prevede che Vlc prenda lo stream RTSP, lo codifichi in modo da non pesare troppo sulla nostra rete e sul server usato per la decodifica (peso che potremo bilanciare potendo intervenire su tutti i parametri di codifica per non sforzare troppo la cpu e non saturare la banda della rete locale o geografica che intendiamo utilizzare) e lo converta in uno stream HTTP gestibile con un browser qualsiasi e una riga di codice HTML:






Prototipo

Lato server:

cvlc 'rtsp://IPNVR:554/user=USERNAME&password=PASSWORD&channel=1&stream=0.sdp?' :network-caching=1000 :sout='#transcode{vcodec=theo,vb=800,acodec=vorb,ab=128,channels=2,samplerate=44100} :http{mux=ogg,dst=:8181/cam1}' :sout-all :sout-keep

cvlc : è il comando in Linux per eseguire vlc senza interfaccia grafica
IPNVR : è l'IP dell'NVR.
USERNAME, PASSWORD : le credenziali per accedere al servizio



Lato client client:

<html>
<head></head>
<body>
<video id="video" src="http://localhost:8181/cam1" type="video/ogg; codecs=theora" autoplay="autoplay"/> Il tuo browser non supporta il video tag.
</body>
</html>

(per i dettagli sui parametri di vlc e per le istruzioni html...cercate su google)


Produzione

Per una situazione reale, dove le sorgenti sono più d'una, è indispensabile avere un servizio che parallelamente codifichi più flussi contemporaneamente e li renda su un servizio unico.
La soluzione VLC la fornisce con una configurazione mediante il servizio VLM.
Il nostro scenario ora prevede 5 telecamere: le 4 collegate all'nvr come l'esempio precedente e una ip cam.
Nell'esempio sotto di configurazione si può notare la quinta cam che ha ip IPIPCAM.

Setup di VLM:

# VLC media player VLM command batch
# http://www.videolan.org/vlc/


new cam1 broadcast enabled

setup cam1 input "rtsp://IPNVR:554/user=USERNAME&password=PASSWORD&channel=1&stream=1.sdp?"
setup cam1 output "#transcode{vcodec=theo,vb=800,acodec=vorb,ab=128,channels=2,samplerate=44100}:http{mux=ogg,dst=0.0.0.0:9181/cam1}"
setup cam1 option sout-all
setup cam1 option network-caching=1000
setup cam1 option sout-keep
control cam1 play

new cam2 broadcast enabled

setup cam2 input "rtsp://IPNVR:554/user=USERNAME&password=PASSWORD&channel=2&stream=1.sdp?"
setup cam2 output "#transcode{vcodec=theo,vb=800,acodec=vorb,ab=128,channels=2,samplerate=44100}:http{mux=ogg,dst=0.0.0.0:9181/cam2}"
setup cam2 option sout-all
setup cam2 option network-caching=1000
setup cam2 option sout-keep
control cam2 play

new cam3 broadcast enabled

setup cam3 input "rtsp://IPNVR:554/user=USERNAME&password=PASSWORD&channel=3&stream=1.sdp?"
setup cam3 output "#transcode{vcodec=theo,vb=800,acodec=vorb,ab=128,channels=2,samplerate=44100}:http{mux=ogg,dst=0.0.0.0:9181/cam3}"
setup cam3 option sout-all
setup cam3 option network-caching=1000
setup cam3 option sout-keep
control cam3 play

new cam4 broadcast enabled

setup cam4 input "rtsp://IPNVR:554/user=USERNAME&password=PASSWORD&channel=4&stream=1.sdp?"
setup cam4 output "#transcode{vcodec=theo,vb=800,acodec=vorb,ab=128,channels=2,samplerate=44100}:http{mux=ogg,dst=0.0.0.0:9181/cam4}"
setup cam4 option sout-all
setup cam4 option network-caching=1000
setup cam4 option sout-keep
control cam4 play

new cam5 broadcast enabled

setup cam5 input "http://USERNAME:PASSWORD@IPIPCAM/cgi-bin/getimage.cgi?motion=1"
setup cam5 output "#transcode{vcodec=theo,vb=800,acodec=vorb,ab=128,channels=2,samplerate=44100}:http{mux=ogg,dst=0.0.0.0:9181/cam5}"
setup cam5 option sout-all
setup cam5 option network-caching=1000
setup cam5 option sout-keep
control cam5 play


Per eseguire cvlc con un file di configurazione basta lanciare:

cvlc --vlm-conf videosrv.vlm

Per quanto riguarda invece il codice html ... bhè non vorrei offendere la vostra intelligenza mostrandovelo.


Il risultato ora è questo:




Tutti i parametri sono bilanciabili per caricare poco sulla cpu con la codifica e sulla rete con il traffico.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SQL Pivot e Unpivot

PIVOT e UNPIVOT SQL




(Le tabelle ed il codice è preso da un articolo di HTML.it)

Spesso serve avere delle tabelle o viste costruite dinamicamente: le colonne che si vogliono rappresentate sono definite mediante i valori di una specifica tabella.

Con SQL Server 2005 e con Oracle 11g si hanno a disposizione questi due nuovi operatori: PIVOT e UNPIVOT.

Una tabella utile al nostro scopo potrebbe essere:




Qui il codice per crearla:


CREATE TABLE Vendite( ID INT NOT NULL, Anno INT NOT NULL, Venditore VARCHAR(50) NOT NULL, Ammontare FLOAT NOT NULL ) ALTER TABLE Vendite ADD ( CONSTRAINT dept_pk PRIMARY KEY (ID)); CREATE SEQUENCE dept_seq START WITH 1; CREATE OR REPLACE TRIGGER dept_bir BEFORE INSERT ON Vendite FOR EACH ROW BEGIN SELECT dept_seq.NEXTVAL INTO :new.id FROM dual; END;


Si ipotizzi di avere questi dati racconti in tabella:
IDAnnoVenditoreAmmontare12009Marco143,322009Andrea12932009Carlo90,5

JAXB - Il supporto di Java all'XML

Introduzione Ho fatto una sintesi dell'ottimo articolo di Marco Parente che approfondisce perfettamente JAXB.
JAXB "Java Architecture for XML Binding" è un framework di supporto di XML per Java. Dalla versione 1.6 di Java SE il framework JAXB è incluso e fornisce una serie di API completa per la gestione dei documenti XML.
Le applicazioni più comuni di XML+Java sono SAX (Simple API for XML) e DOM (Document Object Model) e appartengono entrambe al pacchetto JAXP (Java API for XML Processing) che vengono utilizzate per effettuare l'analisi dei documenti XML.
SAX non salva nulla in memoria e il documento viene letto dall'inizio alla fine. Quindi non sono disponibili in queste API operazioni  che richiedono la memorizzazione del documento o parti di esso.
DOM memorizza l'intero documento in memoria e quindi sono messi a disposizione strumenti per analizzare e/o modificare i dati.
JAXB fornisce una astrazione tale che non richiede la conoscenza del contenuto dell'XML.…

Eclipse Che

Eclipse Che

Questo è un IDE lato server e in cloud scritto in Java basato sul concetto di workspace. Per chi è abituato all'uso di Eclipse IDE su desktop troverà molte similitudini. La differenza sostanziale è che Che lo si lancia dal browser !!!



Il browser scarica dal server il "client" rappresentato dall'interfaccia IDE, simile a quella del classico Eclipse desktop, per lavorare sul workspace.




L'interazione del client, nel browser dell'utente, e il workspace avviene mediante API e servizi REST messi a disposizione del server.
Su ogni workspace si possono creare progetti ed installare plugin necessari allo sviluppo e test dell'applicazione.
In ogni workspace si può creare un "ambiente" che può contenere a sua volta una "macchina" sulla quale installare il software.
Che offre, mediante un wizard, la possibilità di scegliere una vasta gamma di stack tecnologici da installare sulla propria macchina (lato server).

Ogni workspace può contenere i …