Passa ai contenuti principali

JAXB - Il supporto di Java all'XML



Introduzione
Ho fatto una sintesi dell'ottimo articolo di Marco Parente che approfondisce perfettamente JAXB.

JAXB
"Java Architecture for XML Binding" è un framework di supporto di XML per Java.
Dalla versione 1.6 di Java SE il framework JAXB è incluso e fornisce una serie di API completa per la gestione dei documenti XML.

Le applicazioni più comuni di XML+Java sono SAX (Simple API for XML) e DOM (Document Object Model) e appartengono entrambe al pacchetto JAXP (Java API for XML Processing) che vengono utilizzate per effettuare l'analisi dei documenti XML.

SAX non salva nulla in memoria e il documento viene letto dall'inizio alla fine. Quindi non sono disponibili in queste API operazioni  che richiedono la memorizzazione del documento o parti di esso.

DOM memorizza l'intero documento in memoria e quindi sono messi a disposizione strumenti per analizzare e/o modificare i dati.

JAXB fornisce una astrazione tale che non richiede la conoscenza del contenuto dell'XML. Tutto questo grazie a tre operazioni principali:

- Binding
- Unmarshalling
- Marshalling

Per illustrare gli strumenti messi a disposizione da JAXB si costruirà il seguente progetto:







Binding
Questa operazione è rivolta all'accesso al documento e consiste nella generazione di una serie di classi Java che rappresentano lo schema che si vuole accedere e la creazione delle classi, istanza dello schema definito, mediante un apposito compilatore che si chiama "xjc".

Nelle cartelle All e Schemi definiamo i file xsd che descrivono il nostro schema di esempio, quello di una pianta che richiama altri schemi definiti sotto:

Pianta.xsd


<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1" ?>
<xs:schema
  xmlns:sc2="http://www.flora.bindings.com"
  xmlns:sc1="http://www.elementiBase.bindings.com"
  xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/XMLSchema"
  targetNamespace="http://www.flora.bindings.com">
<xs:import namespace="http://www.elementiBase.bindings.com" schemaLocation="../Schemi/Radice.xsd" />
<xs:import namespace="http://www.elementiBase.bindings.com" schemaLocation="../Schemi/Fusto.xsd" />
<xs:import namespace="http://www.elementiBase.bindings.com" schemaLocation="../Schemi/Foglia.xsd" />
<xs:element name="Pianta">
  <xs:complexType>
    <xs:sequence>
      <xs:element name="Nome" element="xs:string" />
      <xs:element ref="sc1:TipologiaRadice" />
      <xs:element ref="sc1:CaratteristicheFusto" />
      <xs:element ref="sc1:CaratteristicheFoglie" />  
    </xs:sequence>
  </xs:complexType>
</xs:element>
</xs:schema>



Radice.xsd



<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1" ?> <xs:schema  xmlns:sc1="http://www.elementiBase.bindings.com"  xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/XMLSchema"  targetNamespace="http://www.elementiBase.bindings.com"><xs:import namespace="http://www.w3.org/2001/XMLSchema" /><xs:element name="TipologiaRadice">  <xs:complexType>    <xs:sequence>      <xs:element name="Ramificazione" type="xs:string" />      <xs:element name="Resistenza" type="xs:string" />    </xs:sequence>  </xs:complexType></xs:element></xs:schema>


Fusto.xsd



<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1" ?>
<xs:schema
  xmlns:sc1="http://www.elementiBase.bindings.com"
  xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/XMLSchema"
  targetNamespace="http://www.elementiBase.bindings.com">
<xs:import namespace="http://www.w3.org/2001/XMLSchema" />
<xs:element name="CaratteristicheFusto">
  <xs:complexType>
    <xs:sequence>
      <xs:element name="Tipo" type="xs:string" />
      <xs:element name="Spessore" type="xs:int" />
      <xs:element name="Altezza" type="xs:int" />
    </xs:sequence>
  </xs:complexType>
</xs:element>
</xs:schema>



Foglia.xsd



<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1" ?> <xs:schema  xmlns:sc1="http://www.elementiBase.bindings.com"  xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/XMLSchema"  targetNamespace="http://www.elementiBase.bindings.com"><xs:import namespace="http://www.w3.org/2001/XMLSchema" /><xs:element name="CaratteristicheFoglie">  <xs:complexType>    <xs:sequence>      <xs:element name="Tipo" type="xs:string" />            <xs:element name="Forma" type="xs:string" />    </xs:sequence>  </xs:complexType></xs:element></xs:schema>


Dagli schemi si passa alla produzione delle classi grazie all'utilitàxjc da lanciare semplicemente posizionandosi con la shell a riga di comando nella cartella "All": 

xjc -nv Pianta.xsd

Verranno generate tutte le classi usate da Pianta nel rispetto del namespace definito che conterranno i metodi get e set in perfetto stile java beans.
Il mapping tra XML e Java viene implementato mediante delle annotazioni. Per ogni package vengono definite due classi:

package-info.java : è il descrittore del package con la responsabilità di importare le librerie contenenti le annotazioni JAXB

ObjectFactory.java : consente di creare oggetti a run-time in seguito ad azioni dell'utente o del flusso di informazioni.


Unmarshalling
Effettuare l'Unmarshalling di un documento XML significa creare un albero di oggetti che rappresenta il contenuto e l'organizzazione del documento.
Per effettuare l'unmarshalling occorre istanziare un oggetto JAXBContext, un oggetto Unmarshaller e invocare il metodo.

JAXBContext : fornisce l'entry point per le API specificando una lista di uno o più nomi di package che contengono le interfacce generate da un binding compiler.

Unmarshaller: controlla il processo di unmarshalling del documento XML passato sotto forma di file. Ciò che viene restituito è un oggetto che può essere castato.


Sotto il pezzo di codice che invoca il metodo, istruendolo, e restituisce l'oggetto castato.


...
static String filePath = "xmlExample/pianta.xml"; 
static String context = "com.bindings.flora";  
static JaxbUnmarshal unmarshall = new JaxbUnmarshal(filePath, context); 
static Pianta piantaObj = (Pianta) unmarshall.getUnmarshalledObject();
...

Il casting consente di tenere la classe JaxbUnmarshal rimane generica.
Se si volesse accedere ai dati del file XML senza farne l'unmarshalling è possibile utilizzare i metodi set degli oggetti ObjectFactory generati dal compilatore.



...Pianta nuovapianta = new Pianta();nuovapianta.setNome("Alloro");      CaratteristicheFusto fustoAlloro = new CaratteristicheFusto();fustoAlloro.setSpessore(1);fustoAlloro.setAltezza(8);nuovapianta.setCaratteristicheFusto(fustoAlloro);...


Interessante notare la disponibilità del metodo setValidating() della classe Unmarshaller. Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Commenti

Post popolari in questo blog

SQL Pivot e Unpivot

PIVOT e UNPIVOT SQL




(Le tabelle ed il codice è preso da un articolo di HTML.it)

Spesso serve avere delle tabelle o viste costruite dinamicamente: le colonne che si vogliono rappresentate sono definite mediante i valori di una specifica tabella.

Con SQL Server 2005 e con Oracle 11g si hanno a disposizione questi due nuovi operatori: PIVOT e UNPIVOT.

Una tabella utile al nostro scopo potrebbe essere:




Qui il codice per crearla:


CREATE TABLE Vendite( ID INT NOT NULL, Anno INT NOT NULL, Venditore VARCHAR(50) NOT NULL, Ammontare FLOAT NOT NULL ) ALTER TABLE Vendite ADD ( CONSTRAINT dept_pk PRIMARY KEY (ID)); CREATE SEQUENCE dept_seq START WITH 1; CREATE OR REPLACE TRIGGER dept_bir BEFORE INSERT ON Vendite FOR EACH ROW BEGIN SELECT dept_seq.NEXTVAL INTO :new.id FROM dual; END;


Si ipotizzi di avere questi dati racconti in tabella:
IDAnnoVenditoreAmmontare12009Marco143,322009Andrea12932009Carlo90,5

Eclipse Che

Eclipse Che

Questo è un IDE lato server e in cloud scritto in Java basato sul concetto di workspace. Per chi è abituato all'uso di Eclipse IDE su desktop troverà molte similitudini. La differenza sostanziale è che Che lo si lancia dal browser !!!



Il browser scarica dal server il "client" rappresentato dall'interfaccia IDE, simile a quella del classico Eclipse desktop, per lavorare sul workspace.




L'interazione del client, nel browser dell'utente, e il workspace avviene mediante API e servizi REST messi a disposizione del server.
Su ogni workspace si possono creare progetti ed installare plugin necessari allo sviluppo e test dell'applicazione.
In ogni workspace si può creare un "ambiente" che può contenere a sua volta una "macchina" sulla quale installare il software.
Che offre, mediante un wizard, la possibilità di scegliere una vasta gamma di stack tecnologici da installare sulla propria macchina (lato server).

Ogni workspace può contenere i …