Passa ai contenuti principali

Sviluppare e deployare applicazioni a microservizi con JHipster

Sviluppare e deployare applicazioni a microservizi con JHipster

Commenti

Post popolari in questo blog

Telecamere Ip con accesso "nascosto"

Telecamere Ip con accesso "nascosto" Storia triste di un auto-hacking obbligato che mi ha fatto scoprire come la nostra privacy è realmente messa a rischi. Storia Ho acquistato dal mercatino/fiera del Radioamatore di Fasano quattro telecamere IP. La scatola riporta "Smart Camera" LF4810. Ne ho montata una e testata in tutte le sue funzionalità per oltre un mese. Chiaramente la manualistica scarsissima, come da tradizione in questi prodotti cinesi di costo molto concorrenziale, consiste in un "pieghevole" di 4 facciate. Chiaramente non erano documentate le impostazioni necessarie per attivare i protocolli ONVIF e RTSP che mi sono indispensabili per l'uso che ne devo fare. Nonostante questa scarsa documentazione dopo l'installazione base fatta con l'apposita app: tutto sembrava corretto. Chiaramente la prima azione che ho compiuto è stata quella di cambiare la password che di default è "123". Subito dopo h

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa

Alzatapparella con Shelly 2 e Alexa Qui spiego tutti i passaggi per installare lo Shelly 2 per automatizzare una tapparella e come configurarlo in Alexa. Impianto attuale Collegamenti da effettuare: Schema teorico: Collegamenti reali: Impostazioni: Dopo aver collegato tutto si procede alla configurazione. Prima di tutto installare la App "Shelly" cercandola nel proprio store e create un account: Il dispositivo verrà visto come doppio interruttore. Andare sulla "i" "Impostazioni": Nella sezione "MODO" ed impostare "Roller Shutter" Poi su "APRI/CHIUDI TEMPO DI LAVORO" ed impostare tipo 20 secondi. Altro passaggio importante in caso di tapparelle è quello relativo alla calibrazione (schermata relativa a "Shelly 2.5"). Se si omette questo passaggio non sarà possibile vedere in che stato è (aperta/chiusa

UPS Monitor via USB

Collegamenti Ho collegato l'UPS Mustek PowerMust 800 mediante il cavo USB al server con Ubuntu Linux 18.04. Software Ho installato: $ sudo apt-get install nut nut-cgi Configurazione Ho impostato i permessi di accesso: $ sudo chown root:nut /etc/nut/* $ sudo chown 640 /etc/nut/* Ho impostato nel file ups.conf (il file di configurazione del servizio) [mustek] driver = blazer_usb port = auto desc = "Musteck Power 800 usb" Ho impostato nel file upsd.conf (il file di configurazione del demone del servizio) LISTEN 127.0.0.1 3493 ACL all 0.0.0.0/0 ACL localhost 127.0.0.1/32 ACCEPT localhost REJECT all Ho impostato nel file upsd.users (il file di configurazione degli utenti del servizio) [mustek] password = 123456 allowfrom = localhost upsmon master Ho impostato nel file upsmon.conf (il file di configurazione del servizio di monitoraggio) MONITOR mustek@localhost 1 local_mon 123456 master Ho abilitato il servizio di moni